VISITA IL SITO DELLA PARROCCHIA
SEMPRE AGGIORNATO CON GLI ULTIMI AVVISI E TUTTE LE INFORMAZIONI SULLA VITA COMUNITARIA ...
www.santildefonso.it

martedì 10 novembre 2015

Calendario dell'Avvento ambrosiano 2015

Questo Calendario dell'Avvento impegnerà i ragazzi non solo in esercizi che assomigliano molto alle opere di misericordia e a gesti concreti di perdono e di pace, ma chiederà loro di completare un presepe speciale, grazie agli adesivi messi a disposizione, ogni giorno. E poi ci sono le «porte» quelle di San Pietro che accompagnano l'animazione delle domeniche in oratorio. Non mancherà la «Porta Santa», chi ci sarà dietro?

«Porta la pace “come Gesù”» è la sfida che il nuovo Calendario dell’Avvento ambrosiano chiederà ai bambini, ai ragazzi e alle loro famiglie, grazie agli impegni che, ogni giorno, metteranno in circolo le loro «opere buone».
Questo è il Calendario che accompagnerà i più piccoli all’inizio del Giubileo straordinario della Misericordia.Idealmente anche i ragazzi saranno chiamati ad aprire delle «porte speciali» e ad attraversarle, per assomigliare sempre di più al Signore Gesù e, quindi, imparare ad essere «misericordiosi come il Padre».

Gli impegni che troveranno dietro le finestrelle nei giorni feriali del prossimo Avvento chiederanno ai ragazzi di esercitarsi innanzitutto nelle opere di misericordia, che sono state ritradotte pensando alla loro vita quotidiana: gli ambiti della scuola, della famiglia, della relazione con gli amici.
Ai ragazzi sarà chiesto anche di impegnarsi a mettere in pratica in particolare il perdono come forma più alta dell’amore. Ci saranno poi altre due dimensioni che sono state prese in considerazione per gli impegni: gli esercizi per portare la pace e gli esercizi per trasmettere la gioia. Gioia e pace sono le due caratteristiche che chiederemo ai ragazzi di fare proprie per essere «come Gesù» e crescere sforzandosi di imitarlo, come suoi discepoli. Nei giorni della Novena di Natale, gli impegni si concentreranno sul perdono, visto come tesoro da ridonare ai fratelli, e corrisponderanno agli impegni quotidiani proposti nel libretto che metteremo a disposizione per la celebrazione della Novena con i ragazzi (cfr. di seguito).

Il Calendario dell’Avvento renderà esplicito il cammino verso il Natale del Signore con la realizzazione di un vero e proprio presepe. La parte in basso del tabellone, che sarà consegnato all’inizio dell’Avvento, nasconde un presepe da svelare grazie al retro delle caselle. Le finestrelle del Calendario infatti sono degli adesivi da staccare.
Ciascun adesivo è un pezzo del presepe che si completerà con tutti i suoi elementi il giorno di Natale. Per capire dove collocare l’adesivo su ogni finestrella (insieme all’indicazione del giorno) è segnalato un numero progressivo che corrisponderà al numero che troveranno nell’immagine sottostante e che determinerà il punto dove attaccare il proprio adesivo, uno per ogni giorno feriale di Avvento.
A Natale l’ultimo adesivo a staccarsi sarà quello della Stella Cometa che svelerà la Natività insieme allo slogan dell’Avvento 2015 in oratorio.

Non è finita! Per accompagnare il cammino dell’animazione delle domeniche in oratorio e il percorso di avvicinamento e di inizio dell’Anno Santo della Misericordia, in alto, sul tabellone, è raffigurata la facciata della Basilica di San Pietro con tutte le sue «porte».
Ogni domenica i ragazzi apriranno una porta e troveranno una frase chiave del Vangelo della domenica in rito ambrosiano e un pezzo di un’immagine che lo rappresenta.
Per completare l’immagine occorrerà essere fedeli e andare in oratorio per la consegna settimanale. Sei adesivi, uno per domenica, renderanno possibile rendere completa l’immagine del giorno festivo. La Basilica di San Pietro custodisce naturalmente anche la Porta Santa che verrà aperto l’8 dicembre, segnando l’inizio del Giubileo.

Una preghiera sul retro chiederà ai ragazzi di fermarsi un istante ogni sera a verificare la propria giornata o a darne nuovo slancio al mattino attraverso appunto l’affidamento al Padre che ci dona Colui che è il «Principe della pace». È lui che dobbiamo imitare per essere anche noi «portatori» di pace, di misericordia, di gioia e di perdono.

Nessun commento:

Posta un commento